Egitto - I templi di Abu Simbel


I due templi rupestri di Abu Simbel sono tra i più grandi e spettacolari dell'antico Egitto. Si trovano sul lago Nasser circa 40 km a nord del confine con il Sudan. Furono costruiti da Ramesse II nel 24° anno del suo regno e completati in 6 anni per celebrare la raggiunta potenza e stabilità dopo aver fermato gli Hittiti in Siria nella battaglia di Kadesh del 1285. I templi furono scavati nella roccia sulla riva occidentale del Nilo in Nubia, la regione che con i suoi giacimenti di oro e rame aveva arricchito l'Egitto. Per migliaia di anni i templi furono ammirati e in certi periodi anche abitati, poi furono invasi dalla sabbia e dimenticati. Furono riscoperti dal viaggiatore svizzero Johann Ludwig Burckhardt nel 1913, ma solo nel 1817 l'italiano Giambattista Belzoni iniziò gli scavi, riportandoli alla luce e rendendoli famosi.
Quando nel 1960 iniziarono i lavori per la costruzione della diga di Assuan, ci si rese conto che il lago che si sarebbe formato a monte della diga avrebbe sommerso tutti i templi egizi della Nubia. Fu l'UNESCO, nella persona del Direttore Generale Vittorino Veronese, a lanciare un appello per salvare i templi nubiani e particolarmente quelli di Abu Simbel. Fra i progetti proposti fu scelto quello che prevedeva di sezionarli a blocchi e ricomporli spostandoli in posizione più elevata. La spesa prevista di 36 milioni di dollari fu divisa in tre parti uguali fra Egitto, USA e gli stati membri dell'UNESCO. Nel 1964 iniziarono i lavori, i due templi furono sezionati, usando seghe di bronzo diamantate, rispettivamente in 870 e 235 blocchi con un massimo di 30 t ciascuno e rimontati a formate due colline artificiali sostenute da due cupole di cemento armato. Vi lavorarono 1700 persone e 200 tecnici e i lavori furono finiti nell'estate del 1968. Ora i templi si trovano 180 m più all'interno e 65 m più in alto della loro posizione originaria.

VISITA AI TEMPLI

L'aeroporto di Abu Simbel è uno dei più frequentati dai turisti ed all'aeroporto arrivano più di 10 voli giornalieri. Vicino si trova il villaggio dello stesso nome sulla riva sinistra del lago Nasser e tutto si trova nelle vicinanze dei templi. I due templi distano fra loro circa 150 m, il primo che si raggiunge è il Tempio Grande con l'asse orientato verso est rispettando l'orientamento originale in modo che due volte l'anno, il 22 febbraio e il 22 ottobre, al sorgere del sole, i raggi penetrano 63 m all'interno fino al santuario illuminando nel modo migliore la statua di Ramesse II. Il primo impatto è la vista della grande facciata con le 4 colossali statue di Ramesse II sedute su troni di pietra, alti 20 m.

ARRIVO AD ABU SIMBEL - VISTA DALL'AEREO

clicca per ingrandire
L'aeroporto di Abu Simbel è uno dei più frequentati dai turisti e all'aeroporto arrivano più di 10 voli giornalieri. Vicino si trova il villaggio dello stesso nome sulla riva sinistra del lago Nasser e tutto si trova nelle vicinanze dei due templi rupestri di Ramesse II.

I due templi distano fra loro circa 150 m, il primo che si raggiunge è il Tempio Grande con l'asse orientato verso est rispettando l'orientamento originale in modo che due volte l'anno, il 22 febbraio e il 22 ottobre, al sorgere del sole, i raggi penetrano 63 m all'interno fino al santuario illuminando nel modo migliore la statua di Ramesse II. Il primo impatto è la vista della grande facciata con le 4 colossali statue di Ramesse II sedute su troni di pietra ed alti 20 m. Le 4 statue di Ramesse II formano due coppie distanziate e fra esse si trova l'ingresso al tempio. Delle 4 statue le meglio conservate sono la prima e la terza da sinistra; sul petto e sulle braccia vi sono i cartigli del re.


ABU SIMBEL - IL TEMPIO GRANDE

A sinistra, la facciata del tempio sulla collina artificiale.
A destra, le 4 statue di Ramesse II illuminate dal sole nascente.

clicca per ingrandire clicca per ingrandire

IL TEMPIO GRANDE - PARTICOLARI DELLE STATUE

La coppia di statue di sinistra e la coppia di statue di destra.

clicca per ingrandire clicca per ingrandire

Vi sono anche diverse incisioni in lingua greca e fenicia lasciate da mercenari passati da qui nel VI secolo a.C.. Alla base dei troni sono scolpite le figure, in dimensioni molto minori, dei membri della famiglia: principesse, la madre e Nefertari, la consorte preferita. Al centro, sopra la porta di ingresso, è scolpita in una nicchia la statua del dio Sole nelle sembianze di Horo dalla testa di falco sormontato dal disco solare e ai lati è rappresentato il re che offre sacrifici.

IL TEMPIO GRANDE DI ABU SIMBEL - PARTICOLARI DELLA FACCIATA

A sinistra, il dio Sole Horo dalla testa di falco fra le statue.
A destra, cartigli vicino all'ingresso. Il simbolo dell'oca significa figlio per omofonia e il cerchio in alto è il simbolo del sole, l'insieme quindi significa figlio del sole, un attributo del faraone.

clicca per ingrandire clicca per ingrandire

Nel corridoio d'ingresso sono raffigurati ai lati file di prigionieri asiatici e nubiani legati, frutto delle vittorie del re.

IL TEMPIO GRANDE DI ABU SIMBEL - CORRIDOIO D'INGRESSO

Rilievi di prigionieri asiatici e nubiani.

clicca per ingrandire clicca per ingrandire

clicca per ingrandire
Tempio Grande - Statue di Osiride.
clicca per ingrandire
Tempio Grande - Ramesse II in battaglia.

Al corridoio segue una prima grande sala divisa in tre navate da 8 pilastri e fra esse vi sono statue di Osiride alte 10 m rivolte verso la navata centrale. 

Segue poi una seconda sala più piccola, anche questa divisa in tre navate, e ambedue sono decorate con numerosi rilievi murali che raffigurano Ramesse II.
Tutte le scene sono di esaltazione del faraone che, protetto dalle divinità, sbaraglia i nemici. In particolare sono riportate scene della battaglia di Kadesh contro gli Hittiti presentata come una grande vittoria del faraone.
In realtà il risultato della battaglia fu molto dubbio e infatti Kadesh rimase hittita e, 16 anni dopo, la pace fu stabilita in un trattato documentato in due versioni, hittita e egiziana. Ramesse II prese in sposa la figlia del re hittita, Napteria, e le nozze sono commemorate in un'iscrizione del tempio.

TEMPIO GRANDE DI ABU SIMBEL
DECORAZIONI DELLE SALE INTERNE

A sinistra, Ramesse II che sbaraglia i nemici nella prima sala.
A destra, figura di Ramesse II nella seconda sala.

clicca per ingrandire clicca per ingrandire

 Il grande atrio comunica ai lati con altri ambienti ricchi di decorazioni con scene di offerte alle divinità e in particolare ad Horo.

TEMPIO GRANDE DI ABU SIMBEL - DECORAZIONI DELLE SALE LATERALI

Offerte al dio Horo.

clicca per ingrandire clicca per ingrandire

clicca per ingrandire
Santuario del Tempio Grande - Ramesse II fra le divinità.

L'ultima stanza del tempio è il santuario in asse con l'ingresso e sulla parete di fondo vi sono 4 statue. Partendo da sinistra, la prima è quella di Ptah, la massima divinità di Menfi, creatore del mondo, poi Amon-Ra, il dio solare di Tebe, quindi Ramesse II e infine Ra-Harakhti, il dio sole mattutino di Heliopolis assimilato a Horo dalla testa di falco. Quando i raggi del sole nascente arrivano alla cella nei giorni degli equinozi, sono illuminati il faraone e le due divinità solari, ma Ptah rimane sempre in ombra.
Usciti dal Tempio Grande ci si sposta a nord-est verso il Tempio Piccolo o Tempio di Hathor, la dea dalla testa di mucca personificazione del cielo e dea dell'amore. Il tempio fu dedicato da Ramesse II alla sua sposa Nefertari, divinizzata come Hathor. Sulla facciata del tempio, lunga 28 m e alta 12, all'interno di nicchie sono scolpite 6 statue colossali alte più di 10 m, 4 raffiguranti Ramesse II come Amon e 2 Nefertari come Hathor; la regina e il re sono rappresentati con le stesse dimensioni, quindi hanno pari dignità. Le cornici delle nicchie sono piene di geroglifici. Entrati dal portale centrale ci si trova nella sala principale divisa in tre navate da 6 pilastri; sulle pareti si trovano numerosi rilievi di Nefertari e quello di una barca solare fra i papiri con a bordo la dea Hathor nel corpo di una mucca.

ABU SIMBEL - IL TEMPIO PICCOLO

Vista complessiva e delle statue.

clicca per ingrandire clicca per ingrandire

TEMPIO PICCOLO DI ABU SIMBEL
PARTICOLARE DELLE STATUE DELLA FACCIATA

A sinistra, le statue di Ramesse II e Nefertari.
A destra, particolare della statua di Nefertari.

clicca per ingrandire clicca per ingrandire

TEMPIO PICCOLO DI ABU SIMBEL
DECORAZIONI DELLA SALA INTERNA

Raffigurazioni della regina Nefertari come Hathor.
A sinistra ha in mano il sistro e il fiore di loto, a destra è incoronata.

clicca per ingrandire clicca per ingrandire

TEMPIO PICCOLO DI ABU SIMBEL - DECORAZIONI DELLA SALA INTERNA

clicca per ingrandire
Interno del Tempio Piccolo - Barca solare con la dea Hathor.



Indice |Info | Stampa | Permalink