Libia - Cirenaica: Tolemaide e Gasr Lybia


Da Bengasi a Cirene vi sono due località interessanti da visitare. Una è la zona archeologica di Tolemaide vicina al mare, una delle cinque città della Pentapolis; la seconda località si trova sulle Montagne Verdi a ovest di Al-Bayda (la Bianca), è chiamata Gasr Libya e vi si trovano due basiliche paleocristiane del VI e VII secolo con magnifici mosaici. 

TOLEMAIDE

Tolemaide, detta oggi Tolmeita, si trova 120 km a est di Bengasi sulla strada costiera; il sito è molto vasto e solo parzialmente scavato, è limitato a ovest da una cinta di mura e a est dall'uadi Zewana; a sud la città era protetta da dune di sabbia. Gli scavi furono iniziati dagli Italiani nel 1935, poi vennero anche archeologi inglesi. 
All'inizio della zona archeologica, più vicino al mare, si trova il Museo, dove sono raccolti gli oggetti più preziosi trovati negli scavi.Fra questi è il mosaico della Casa delle Quattro Stagioni del V secolo d.C., con le raffigurazioni delle stagioni, e in basso due fiere che si appoggiano a un kantaros, il mosaico del Palazzo delle Colonne, con una testa di Medusa in opus vermiculatum con tessere piccolissime, e un altro mosaico con il mito di Orfeo che proviene dal porto. Dal Palazzo delle Colonne provengono dei capitelli, ci sono dei sarcofagi e una fontana trovata sulla Via Monumentale, con intorno, la raffigurazione delle Menadi invasate, nelle orge bacchiche.  

SITO DI TOLEMAIDE - INGRESSO AL MUSEO

clicca per ingrandire
Vicino all'ingresso del Museo si trovano le due statue acefale della foto.

 

clicca per ingrandire  
Resti dell'Arco di Costantino.
clicca per ingrandire  
Villa delle Quattro Stagioni.

 

Seguendo una strada verso sud si arriva all'area degli scavi e s'incontra la Via Monumentale, di cui c'è solo il tacciato con direzione da ovest a est e all'inizio le basi di un arco dedicatorio a Costantino a tre fornici. A sud-ovest c'è la Casa delle Quattro Stagioni, dove è stato rinvenuto il mosaico omonimo. Si tratta di un'abitazione, dell'inizio del III secolo con ampio peristilio, modificata nel V secolo, quando fu aggiunto il mosaico. A est di questa casa c'è il Palazzo delle Colonne, il meglio conservato e il più studiato; è un isolato di dimensioni 37 x 164 m, utilizzato con continuità per molti secoli, forse dai governatori, prima tolemaici, poi romani e infine bizantini. Al centro del palazzo è un grande peristilio con vasca rettangolare e c'è anche un impianto termale. 

 

 

SITO DI TOLEMAIDE - PALAZZO DELLE COLONNE

A sinistra, una vista d'insieme del palazzo.
A destra, particolare del grande peristilio.
clicca per ingrandire clicca per ingrandire

 

clicca per ingrandire  
Bouleuterion.

 

Più a sud è il Teatro, Odeon o Bouleuterion, cioè un edificio destinato a riunioni pubbliche, con una piccola cavea e la scena come tribuna per gli oratori. 
clicca per ingrandire  
Gymnasium - Colonne dei Rostri.

 

Proseguendo ancora verso sud, si trova il Ginnasio di età tolemaica, rifatto nella prima età imperiale, da cui provengono le poche colonne rimaste. 
Accanto c'è una zona a terrazze artificiali che copre delle grandi cisterne, costituite da gallerie incrociate con ingresso da una scala centrale e, vicino, un'altra piattaforma con 6 colonne a U, ma solo due sono rimaste e, in epoca romana, avevano funzione di Rostri, dove erano affisse le leggi. 

GASR LYBIA

 
Gasr Lybia, 25 km a ovest di Al-Bayda, è stata identificata con l'antica città di Olbia, sede vescovile e meta di pellegrinaggi nel V secolo. Ne parla in questo periodo il vescovo Sinesio nelle sue lettere. C'era un complesso religioso del quale sono rimaste le rovine di due basiliche. La più recente e meglio conservata è la basilica occidentale del VII secolo, rettangolare e a croce greca con quattro ambienti fra i bracci delle croci; manca la copertura originale che doveva essere a volta con cupola all'incrocio dei bracci. Nel pavimento c'è un mosaico con animali e croci. 
La basilica orientale del V secolo è più piccola ed ha lasciato la straordinaria decorazione a mosaico della navata centrale i cui riquadri sono stati tolti e conservati nel vicino museo. I mosaici sono stati realizzati fra il 539 e il 540 dai vescovi Macario e Teodoro come indica un'epigrafe. 
 

GASR LYBIA - MOSAICI

A sinistra, cornice del mosaico nella navata della basilica orientale.
A destra, riquadri del mosaico della basilica orientale conservati nel Museo.
clicca per ingrandire clicca per ingrandire

GASR LYBIA - MUSEO - MOSAICO PAVIMENTALE

clicca per ingrandire
Un altro mosaico pavimentale conservato nel Museo è quello sul lato sinistro della stessa basilica orientale, un interessante esempio d'iconografia cristiana simbolica e didattica del VI secolo con raffigurazioni del Paradiso Terrestre e dei suoi quattro fiumi, scene di vita agreste e nilotica e molte raffigurazioni di animali.

Indice |Info | Stampa | Permalink