Cambogia - Angkor Thom: l'Ultima Capitale di Angkor


Angkor Thom fu la nuova città fortificata costruita dal re Jayavarman VII (1181-1201), ultimo grande re dell'impero Khmer. La città, quarta capitale dell'impero, occupa un'area quadrata di circa 10 kmq, con una cinta di mura alte 8 m e lunghe 12 km e un fossato largo 100 m. Vi sono 5 porte monumentali due delle quali sul lato est. Le porte, alte 20 m, hanno sopra 4 enormi teste del Buddha rivolte verso i quattro punti cardinali e ai lati due grandi elefanti. 
 
 

ANGKOR THOM

Clicca per ingrandire
Si entra dall'ingresso sud preceduto da una strada rialzata fiancheggiata da figure di divinità, a sinistra, e demoni, a destra, lungo due balaustre di naga (serpenti). 
All'interno del perimetro si trovano numerosi edifici sacri, palazzi recintati e piazze monumentali.

ANGKOR THOM

A sinistra, è il lato destro del viale all'ingresso sud con la fila di demoni che reggono il corpo del naga.
A destra, particolare della porta sud dal lato interno.
clicca per ingrandire clicca per ingrandire

 

All'interno della città vi sono molti luoghi sacri ai buddhisti e spesso si vedono processioni di monaci nelle loro vesti arancione. 
Al centro della città si trova il Bayon che è il tempio principale. A distanza sembra un ammasso di pietre, ma avvicinandosi e una volta entrati, si distingue una foresta di torri sulle quali giganteggiano 200 facce del Buddha o del re che lo personifica che guardano nelle quattro direzioni con un sorriso enigmatico; le torri sono 54 e rappresentano le diverse province del regno khmer. 
 

ANGKOR THOM E IL BAYON

A sinistra, una processione di monaci buddhisti. A destra, la vista d'insieme del Bayon.
clicca per ingrandire clicca per ingrandire

La costruzione del tempio durò 30 anni e le pietre furono trasportate con gli elefanti dalle cave che si trovavano a 50 km di distanza, fu iniziata dal re Jayavarman VII, ma questi morì prima della fine. Il tempio merita il secondo posto dopo Angkor Wat, fu costruito come tempio buddhista ed ha corridoi ricurvi e ripide scale. Quando fu riscoperto, era invaso dalla giungla e ci volle molto tempo per capire che si trovava precisamente al centro della città. La sua funzione e la sua simbologia sono ancora un mistero.

VISTA INTERNA DEL BAYON - TORRI E PORTICI

clicca per ingrandire clicca per ingrandire

IL BAYON - ALTRI PARTICOLARI

A sinistra, la galleria est. A destra, alcune facce del Buddha scolpite sulle torri.
clicca per ingrandire clicca per ingrandire

 

Il Bayon è un edificio a tre livelli, i primi due sono quadrati e sul muro esterno portano una serie di bassorilievi, il terzo è circolare e qui si trovano le torri e le facce del Buddha. I bassorilievi hanno uno sviluppo di 1200 m e c'è una grande varietà di scene. Al primo livello si vede il re sull'elefante in una processione militare fra i suoi soldati, poi vi sono scene di vita quotidiana, raccolta e trasporto dei frutti e varie attività lavorative. Infine vi sono le scene di battaglia e si racconta la storia della guerra con i Cham, quando questi mettono in rotta i Khmer nel 1177 e si vede il re ferito e portato via, ma le ultime scene mostrano la rivincita dei Khmer nel 1181, con il re Jayavarman VII vincitore e fra queste è la scena di una battaglia navale.

IL BAYON - BASSORILIEVI

A sinistra, scene di vita quotidiana. A destra, scena di una battaglia navale con i Khmer vincitori.
clicca per ingrandire clicca per ingrandire

Il secondo grande tempio della città è il Baphuon, circa 200 m a nord-ovest del Bayon. Questo tempio esisteva già nella vecchia capitale di Angkor prima del saccheggio dei Cham perché era stato costruito dal re Udayadityavarman II (1049-1065) e segnava il centro dell'antica città. Il Baphuon era dedicato a Shiva ed ha una forma piramidale a torre unica per rappresentare il monte Meru, la via verso il paradiso. Il tempio era in cattivo stato ed è in corso di restauro a cura di una spedizione archeologica francese. Per entrare c'è una strada sopraelevata e lastricata in arenaria lunga 200 m. 

TEMPIO BAPHUON

Clicca per ingrandire
 
La struttura centrale era alta 43 m, ma la cima della torre è crollata. Vi sono due livelli e sul muro di sostegno del secondo livello fu scolpita, forse nel 1400, la figura distesa di un Buddha che però è poco decifrabile.

All'interno del recinto reale a nord del Baphuon, si trova il Phimeanakas (Palazzo Celeste) vicino all'area che ospitava il palazzo reale andato perduto perché in legno e del quale sono rimaste solo due piscine in arenaria. Anche questo edificio è un tempio a forma di montagna. 

PHIMEANAKAS O PALAZZO CELESTE

Clicca per ingrandire
La ripida scalinata in cattivo stato è fiancheggiata da statue di leoni come guardiani e in alto c'è una serie di portici. Anche questo monumento esisteva prima della costruzione di Angkor Thom.

Il recinto reale era circondato da un fossato e sul lato orientale c'è una grande piazza con un lungo edificio a terrazza, forse una tribuna delle autorità durante le parate militari e le cerimonie ufficiali. Sulla fronte della tribuna è scolpita una grande parata di elefanti da cui il nome di Terrazza degli Elefanti dato al complesso. Ai lati vi sono scale di accesso fiancheggiate da teste di elefanti di pietra con proboscidi a forma di colonne e leoni. 

LA TERRAZZA DEGLI ELEFANTI

A sinistra, vista d'insieme. A destra, la Porta degli Elefanti che sale al recinto reale.
clicca per ingrandire clicca per ingrandire

TERRAZZA DEGLI ELEFANTI - PARTICOLARI

clicca per ingrandire clicca per ingrandire

A nord della Terrazza degli Elefanti è la cosiddetta Terrazza del re lebbroso per la statua di un uomo nudo il cui originale si trova al Museo Nazionale di Phnom Penh, mentre quella che qui si trova è una copia. Questo è un altro dei misteri di Angkor. Una leggenda vuole che almeno due dei re di Angkor fossero lebbrosi e la statua rappresenterebbe uno di questi. Forse la statua rappresenta il dio Shiva, il dio della distruzione e dalla morte, perché si pensa che la terrazza fosse il crematorio reale.

TERRAZZA DEL RE LEBBROSO

Clicca per ingrandire
La statua è collocata su una piattaforma alta 7 m e le mura portano scolpite su 7 ordini figure di ninfe celesti (apsara), re con diademi e spade, principesse con collane di perle e figure di naga.

 Dentro le mura di Angkor Thom si trovano ancora molti altri edifici fra cui templi hinduisti e buddhisti. Si può uscire infine dalla porta nord dall'impressionante grandiosità. 

ANGKOR THOM - INGRESSO NORD DEL RECINTO

A sinistra, vista esterna della porta. A destra, divinità che regge il corpo di un naga all'esterno della porta.
clicca per ingrandire clicca per ingrandire

 A nord di Angkor Thom si trova il Preah Khan che occupa una vasta area all'interno di una cinta muraria rettangolare di circa 700 x 800 m. Preah Khan significa "spada sacra" e fu costruito da Jayavarman VII come tempio funerario del padre e forse utilizzato come residenza reale, mentre si costruiva Angkor Thom. All'interno della cinta muraria il tempio occupa uno spazio limitato, ma è costituito da un insieme di recinti con torri e corridoi. Vi sono quattro ingressi ai quattro punti cardinali e l'ingresso principale è, come sempre, quello est. 

TEMPIO PREAH KHAN

A sinistra, ingresso monumentale della cinta esterna est. A destra, ingresso della cinta interna del tempio.
clicca per ingrandire clicca per ingrandire

I passaggi e i corridoi hanno delle belle decorazioni e sono in ottimo stato di conservazione e i lavori di restauro sono in corso. Lo sviluppo orizzontale delle gallerie e dei corridoi, orientati verso i quattro punti cardinali, impedisce la visione del nucleo del tempio e della torre centrale; a volte le porte sono tanto strette che ci passa a stento una persona.

TEMPIO PREAH KHAN

Porte monumentali dei recinti e corridoi interni.
clicca per ingrandire clicca per ingrandire

TEMPIO PREAH KHAN - EDIFICIO COLONNATO

Clicca per ingrandire
Questo edificio a due piani con colonne rotonde come un tempio greco si trova all'interno del primo recinto, sulla destra, ma non se ne conosce la destinazione.

All'interno del recinto di Preah Khan vi sono anche molte statue di divinità buddhiste in bassorilievo sulle pareti e, uscendo dall'ingresso ovest, si vede una bella testa di naga il cui corpo è sorretto da altre divinità come ad Angkor Thom.  

TEMPIO PREAH KHAN

A sinistra, bassorilievo di una divinità. A destra, testa di naga fuori dell'ingresso ovest.
clicca per ingrandire clicca per ingrandire

 

Clicca per ingrandire  
Tempio Ta Prohm - Ingresso ovest.
Clicca per ingrandire  
Ta Prohm - Shiva danzante.

Fra Angkor Thom e il tempio Pre Rup si trova il Ta Prohm anche questo costruito dal re Jayavarman VII come tempio buddhista mahayana dedicato alla madre. Il tempio è una delle maggiori attrattive di Angkor. Quando i Francesi riscoprirono Angkor, il tempio era stato invaso dalla giungla e gli alberi erano cresciuti all'interno avvinghiando le rovine e sostenendole. Dopo lunghe discussioni si decise di non togliere gli alberi e lasciare questo spettacolare esempio di trionfo della natura sull'opera dell'uomo. 

Clicca per ingrandire  
Ta Prohm - Figure di Buddha in rilievo.

Il Ta Prohm fu costruito intorno al 1186 e, da un'iscrizione trovata, si hanno informazioni su quanti vi lavoravano e vi abitavano: così si sa che 80000 persone erano adibite alla manutenzione del tempio e vi erano 2700 funzionari e 615 danzatori. Il tempio è un labirinto di cortili e corridoi molti dei quali impraticabili. 
Nel tempio si trovano anche delle sculture di divinità hindu, come un bassorilievo di Shiva danzante, perché il successore di Jayavarman VII, Indravarman II (1201-1243), riportò l'induismo e le immagini della vecchia religione. Il buddhismo mahayana continuò però a prevalere con i successori e, dopo le invasioni thailandesi, si andò diffondendo, come in tutto il sud est asiatico, la dottrina più tradizionale detta theravada (degli anziani) o hinayana (del piccolo veicolo) che è quella prevalente ora in Cambogia. 

LA FANTASTICA INVASIONE DELLA GIUNGLA NEL TA PROHM

clicca per ingrandire clicca per ingrandire

LA FANTASTICA INVASIONE DELLA GIUNGLA NEL TA PROHM

clicca per ingrandire clicca per ingrandire

 Poco a sud-est del Ta Prohm si trova il Banteay Kdei seguito a est dallo Sras Srang o piscina delle abluzioni. Il Banteay Kdei è un tempio buddhista della seconda metà del XII secolo, pure attribuito a Jayavarman VII. Misura 500 x 700 m e l'ingresso est è preceduto da grandi teste di naga. La torre centrale è incompiuta e il tempio è in parte crollato sia per l'aggressione della giungla che per la cattiva qualità della pietra. 

TEMPIO BANTEAY KDEI

A sinistra, l'ingresso est. A destra, l'interno in rovina e invaso dalla giungla.
clicca per ingrandire clicca per ingrandire

TEMPIO BANTEAY KDEI

A sinistra, una testa di naga all'ingresso. A destra, decorazioni e apsara in rilievo.
clicca per ingrandire clicca per ingrandire

 La grande piscina dello Sras Srang misura 800 x 400 m e, sulla fronte che scende al lago, vi sono statue di leoni, garuda e teste di naga. 

SRAS SRANG: LA PISCINA DELLE ABLUZIONI

A sinistra, l'ingresso alla piattaforma. A destra, la piattaforma che affaccia sul bacino.
clicca per ingrandire clicca per ingrandire

Del tempo di Jayavarman VII è anche il Tempio Preah Neak Pean (dei naga intrecciati) che si trova a nord-est del più antico Ta Keo (di Jayavarman V). Era costituito da una grande piscina circondata da 4 piscine più piccole, oggi tutte asciutte, e al centro della piscina più grande un'isola circolare con torre centrale intorno alla quale s'intrecciano i lunghi corpi di due serpenti.  

TEMPIO CIRCOLARE DI PREAH NEAK PEAN

Clicca per ingrandire
La curiosa figura al centro della piscina grande, che ha la forma di un cavallo con sotto un groviglio di gambe umane, richiama una leggenda del Buddha che una volta portò in salvo, trasformandosi in cavallo alato, un gruppo di suoi seguaci che erano naufragati in un'isola infestata da demoni.

FINE CAMBOGIA




Indice |Info | Stampa | Permalink