Papua Nuova Guinea - Il Festival delle Tribù


Clicca per ingrandire 
Arena del Festival

 

  Il Festival delle tribù si tiene ormai ogni anno in agosto a Mount Hagen e rappresenta l'avvenimento culturale e turistico più importante delle province centrali. Il Festival ha una durata di due giorni e si tiene in un'arena a ciò adibita fuori città, vicino all'aeroporto di Kagamura. Nell'arena c'è una tribuna per le autorità e i turisti e, fuori, un'altra vasta area, anche questa recintata, dove si trovano i parcheggi, i servizi e gli spazi adibiti ai gruppi folcloristici, dove questi si preparano prima dell'ingresso nell'arena. Il Festival è organizzato da un comitato promotore e coinvolge, ogni anno sempre più, i clan e le tribù di ogni parte del paese. Quest'anno il Festival si tiene nei giorni 21 e 22 di agosto e i partecipanti sono più di 1000. 
  I clan partecipano con i loro costumi e le loro acconciature tradizionali, ma ciò che più li distingue sono le decorazioni del corpo e del volto che hanno raggiunto vere forme d'arte. I partecipanti impiegano buona parte della mattina per completare il maquillage prima di entrare nell'arena e usano colori minerali e vegetali: calce per il bianco, carbone per il nero, steatite per il grigio, ocra per il giallo e il marrone, estratti vegetali per il rosso e il blu. I clan guerrieri portano le loro armi e si presentano in formazioni compatte, altri gruppi eseguono danze e musiche cerimoniali della propria tribù, connessi al culto degli spiriti degli antenati, indicate con il nome generico di sing sing. 

GRUPPO BAISU KUNAMBS DA MOUNT HAGEN

Clicca per ingrandire
  I gruppi provenienti dalle province degli altipiani sono forse i più interessanti perché portatori di una cultura ancora genuina, quella dei clan guerrieri di questi territori, le cui tradizioni sono sempre molto vive e ben preservate. 
  Qui i guerrieri avanzano in formazione lanciando il loro grido di guerra.

GRUPPO BAISU KUNAMBS

Clicca per ingrandire
  I guerrieri portano sul petto, come ornamento e a dimostrazione del loro rango, una mezzaluna di madreperla (kina shell) che, presso tutte le tribù serve come moneta ed ha un grande valore, perché proviene dalle lontane regioni costiere.

GUERRIERI BAISU

Clicca per ingrandire Clicca per ingrandire

GRUPPO BAISU KUNAMBS

Clicca per ingrandire
  Le acconciature di piume sulla testa dei guerrieri formano dei veri colbacchi e danno loro un aspetto imponente. Sono piume di uccelli del paradiso e di altri, come pappagalli, tucani e casuari che per questo sono fatti oggetti di una caccia spietata. 

  In Papua Nuova Guinea vi sono 37 specie di uccelli del paradiso, delle circa 45 specie conosciute, e proprio un uccello del paradiso, il Paradisaea raggiana, è diventato il simbolo della nazione. Le piume degli uccelli del paradiso variano da specie a specie, sia come posizione sia come colori: sulle ali, sul dorso, sulla coda e sul capo, e sono brillanti, iridescenti, rosse, arancioni, verdi e blu. Nella specie Astrapia mayeri, le piume caudali bianche e nere di un maschio adulto, possono superare la lunghezza di un metro. 

GRUPPO CULTURALE NAMBS

Clicca per ingrandire
  Questo gruppo è costituito tutto da donne, ma il loro aspetto marziale non è da meno di quello dei guerrieri.

GUERRIERI HULI DAL LAGO KOPIAKO

Clicca per ingrandire
  Quello degli Huli è uno dei gruppi più caratteristici e impressionanti per le acconciature e le decorazioni. Hanno il volto dipinto di giallo e il corpo interamente di rosso, portano sul capo complesse parrucche cerimoniali ornate con piume di uccelli del paradiso.

  Un altro degli ornamenti caratteristici dei guerrieri Huli è il becco di tucano che portano appeso al collo sul dorso insieme a denti di maiale. Un altro ornamento distintivo è costituito dalle foglie fresche di tanget che portano sul posteriore. 
  Gli Huli provengono dalla regione meridionale degli Altipiani, a occidente nell'area di Tari, vicino al lago Kopiako.

SCENA DI BATTAGLIA

Clicca per ingrandire
  I guerrieri sono schierati pronti ad affrontare il nemico.

ALTRO CLAN DI GUERRIERI

Clicca per ingrandire
  Gruppo di guerrieri armati di archi e frecce con decorazioni meno appariscenti, ma forse per questo più autentici.

GRUPPO CULTURALE KUNABAU

Clicca per ingrandire
  Nel gruppo ci sono anche molte donne ed eseguono danze accompagnandosi con il suono di caratteristici tamburi di legno, sagomati a forma di tronco di cono cavo, aperto a un'estremità e chiuso dall'altra da una pelle di serpente, lucertola o marsupiale.

GRUPPO MINDIMA MUDMAN DA SIMBU

Clicca per ingrandire
  I mudman sono gli uomini dalla maschera di fango. I guerrieri di questi clan indossano grandi maschere di argilla per terrorizzare gli avversari e, uomini e donne della tribù, ricoprono il corpo di fango. Alcuni allungano le dita infilandole dentro canne di bambù, ma questa tradizione è originaria da Asaro, un villaggio vicino a Goroka, capitale della Provincia dell'Est. Questo gruppo proviene invece dalla provincia di SIMBU.

MUDMAN CON LA MASCHERA DI FANGO

Clicca per ingrandire Clicca per ingrandire

GRUPPO OMA MASLAI

Clicca per ingrandire
  Questo gruppo proviene dalla provincia di SIMBU. Dipinti come scheletri, rappresentano esseri dell'oltretomba che inseguono uno spirito del male raffigurato come un essere mostruoso.

GRUPPO CHUAVE SING SING

Clicca per ingrandire
  Anche questo gruppo proviene dalla provincia di SIMBU; i membri sono completamente dipinti di nero ed eseguono danze rituali.

GRUPPO KOBEA SIA

Clicca per ingrandire
  Questo gruppo proviene da Pindiu, una cittadina a circa 50 km da Finschafen, nella penisola di Huon. Hanno vesti di fibre vegetali e grandi acconciature sulla testa; rappresentano un tipico gruppo sing sing.

COMPLESSO MUSICALE MODERNO

Clicca per ingrandire
  Qui il tradizionale si fonde con il moderno; il gruppo suona il bambù drum costituito tradizionalmente da un fascio di tubi di bambù (ora sostituiti dalla plastica) di diversa lunghezza che, battuti a un'estremità con una patta, emettono suoni un po' sordi di diversa tonalità, accompagnando la musica ritmica moderna delle chitarre classiche. Molti di questi giovani sono studenti.
 

Indice |Info | Stampa | Permalink